Ruminazione e depressione

La ruminazione è un processo di pensiero negativo incontrollato e strettamente focalizzato che è spesso autoreferenziale e che è un segno distintivo della depressione.

Una ricerca condotta da M.K.V. Vugt sulla rivista Topics in cognitive science sostiene che il modello della ruminazione sostiene che essa sia causata da abitudini di pensiero disadattive.

La ruminazione è equiparata ad una forma di vagabondaggio mentale (mind-wandering) (Christoff, Irving, Fox, Spreng e Andrews-Hanna, 2016) .

L’autore della ricerca sostiene che il vagabondaggio mentale è un processo di pensiero non correlato al compito che occupa circa il 50% del nostro tempo di veglia e a volte può aiutare e talvolta ostacolare le prestazioni.

Ad esempio, in contesti poco impegnativi, il vagabondaggio mentale può svolgere funzioni utili per la creatività e la pianificazione.

D’altra parte, interrompe le prestazioni quando toglie le risorse cognitive necessarie per svolgere il compito, e ciò si verifica in particolare quando il vagabondaggio mentale è involontario e incontrollato.

Il legame ruminazione-depressione

Numerosi studi longitudinali indicano gli effetti negativi della ruminazione: ad esempio, la ricerca condotta da Nolen-Hoeksema sui residenti della Bay Area che hanno subito il terremoto di San Francisco del 1989 ha scoperto che coloro che in seguito si sono identificati come ruminatori hanno mostrato più sintomi di depressione e disturbo da stress post-traumatico.

Un altro dei suoi studi, condotto con Judith Parker, PhD, e Louise Parker, PhD, ha rilevato che la ruminazione prediceva una depressione maggiore tra 455 giovani di età compresa tra 18 e 84 anni che avevano perso membri della famiglia a causa di malattie terminali. Coloro che ruminavano più spesso diventavano depressi e rimanevano depressi nei follow-up fino a 18 mesi dopo, secondo lo studio, pubblicato nel 1994 su JPSP (Vol. 67, n. 1, pagine 92-104).

Nolen-Hoeksema sostiene inoltre che molti ruminatori rimangono nella loro routine depressiva perché la loro visione negativa danneggia la loro capacità di risolvere i problemi. Faticano inoltre a trovare buone soluzioni a problemi ipotetici.

In aggiunta a questo i ruminatori esprimono scarsa fiducia nelle loro soluzioni e spesso non riescono a metterle in atto.

Nolen-Hoeksema sostiene nelle sue ricerche che “Anche quando una persona incline alla ruminazione esce con una potenziale soluzione a un problema significativo, la ruminazione stessa può indurre un livello di incertezza e immobilizzazione che rende difficile per loro andare avanti”, ha detto.

Cosa fare per contenere la ruminazione?

  1. usare la distrazione
  2. impegnarsi in piccole azioni per iniziare a risolvere i problemi
  3. rivalutare le percezioni negative degli eventi e le aspettative elevate degli altri
  4. Lasciar andare gli obiettivi malsani o irraggiungibili e sviluppare molteplici fonti di autostima
  5. praticare l’accettazione e la compassione
  6. praticare la mindfulness

Fonti:

Law, B. M. (2005, November). Probing the depression-rumination cycle. Monitor on Psychology36(10)

Van Vugt MK, van der Velde M; ESM-MERGE Investigators. How Does Rumination Impact Cognition? A First Mechanistic Model. Top Cogn Sci. 2018 Jan;10(1):175-191. doi: 10.1111/tops.12318. PMID: 29383884.