Ansia sociale: smetti di evitare le situazioni sociali

A tutti sarà successo di sentirsi preoccupati e ansiosi in alcune situazioni sociali, come ad es. il primo giorno di lavoro, quando abbiamo conosciuto i genitori del nostro/a partner, o ancora quando ci troviamo a parlare con una persona per cui proviamo attrazione.

Solitamente questo stato d’animo non ci impedisce di relazionarci e non ci porta ad evitare di farlo. Sappiamo che è momentaneo e che passerà.

Cos’è l’ansia sociale?

Per ansia sociale si intende la paura eccessiva e persistente di essere giudicati da altre persone.

Solitamente la preoccupazione riguarda il fatto si sentirsi imbarazzati o il timore di fare qualcosa per cui potrebbero sentirsi umiliati. Queste persone tendono anche a preoccuparsi molto di essere giudicate per aver mostrato quelli che sono i segnali fisici legati all’ansia: sudare, arrossire o tremare.

Quali conseguenze?

Potenzialmente ogni situazione come feste, colloqui di lavoro, parlare in pubblico, tagliarsi i capelli, mangiare in pubblico o fare la spesa diventano motivo di ansia e di conseguenza per ridurre tale emozione tendono ad evitare il più possibile condizioni simili.

Le ripercussioni che tutto questo può avere sulla vita delle persone sono spesso importanti:

  • possono perdere occasioni anche uniche (es. colloquio di lavoro)
  • si ritrovano a rinunciare a fare esperienze
  • evitano i rapporti sociali.

Tutto questo non fa altro che rinforzare la credenza di essere diversi, inadatti e sbagliati influendo pesantemente sull’autostima, sull’auto-efficacia e sulla psiche.

Quali sono i sintomi principali?

Su cosa si può lavorare? STRATEGIE COGNITIVE

Le persone con disturbo d’ansia sociale tendono a sopravvalutare la probabilità di essere giudicate da altre persone e sottovalutare il proprio valore.

Non è raro che siano autocritici, possono fissarsi sui propri difetti e confrontarsi costantemente con le altre persone.

Le strategie cognitive aiutano le persone a identificare e sfidare questo tipo di pensieri e ad apprendere modi di pensare nuovi e più utili.

Queste strategie aiutano le persone a diventare più sicure e auto-compassionevoli e ad acquisire risorse funzionali per modificare il dialogo interno rendendolo più competitivo e utile nella loro vita.

Su cosa si può lavorare? STRATEGIE COMPORTAMENTALI 

Come anticipato prima i due comportamenti che la persona con ansia sociale mette spesso in atto sono l’evitamento e i comportamenti di sicurezza.

I comportamenti di sicurezza sono quelli che la persona mette in atto perchè crede che la aiuteranno a gestire all’ansia, come ad es. bere qualche drink prima di arrivare a una festa.

I comportamenti di evitamento e sicurezza riducono brevemente la tua ansia, facendoti sentire meglio a breve termine.

A lungo termine, però risultano dannosi perchè impediscono di affrontare le situazioni temute e incrementano l’ansia.

La persona così facendo non si mette mai nella posizione di invalidare i suoi pensieri negativi e catastrofici mantenendo così il problema.

Le strategie comportamentali sono molto importanti perchè mirano ad aiutarti a smettere di fare le cose che peggiorano la tua ansia e iniziare a fare cose che costruiranno la tua fiducia e autostima.

Fonti: www.thiswayup.org.au

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *