Menopausa e pensieri negativi: come impattano sulle vampate

Le vampate di calore e la sudorazione notturna sono i principali cambiamenti vissuti dalle donne durante la transizione della menopausa – il periodo in cui i periodi mestruali si fermano. Le vampate possono essere accompagnate da sudorazione e palpitazioni o talvolta da brividi e possono causare imbarazzo, ansia, disagio e interruzione del sonno.

Cosa le causa? Le vampate di calore si verificano quando i livelli di estrogeni cambiano e si adattano a un livello inferiore durante la transizione della menopausa. Tendono ad essere più frequenti quando l’estrogeno si riduce rapidamente, ad es. dopo la menopausa chirurgica o alcuni trattamenti per il cancro al seno. I livelli degli ormoni influenzano i nostri meccanismi di controllo della temperatura corporea, attraverso la vampata quindi il corpo può “raffreddarsi” riportando quindi equilibrio termico. 

La TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE si occupa di menopausa e in particolare del disagio che le vampate producono sul piano dei sintomi fisici, dei pensieri, dei sentimenti e dei comportamenti che la persona mette in atto. Il modo in cui pensiamo ai sintomi in certe situazioni tende a influenzare le emozioni che proviamo e ciò che facciamo, e queste reazioni possono a loro volta aumentare l’intensità delle vampate di calore. Per esempio: 

Situazione: avverto l’inizio di una vampata di calore 

Pensiero: “la gente intorno lo noterà”, “sembrerò ridicola”, “queste vampate non passeranno mai”, “la mia vita è un incubo” 

Sentimenti/emozioni: imbarazzo, perdita di controllo e ansia. 

Sintomi fisici: queste sensazioni potrebbero quindi portare ad un aumento della tensione, palpitazioni e sudorazione, che intensificano l’esperienza di vampate di calore. 

La TERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE può aiutarti a trovare modi per ridurre queste reazioni negative alle vampate di calore.

Spesso il modo in cui pensiamo accentua la sensazione di disagio che sperimentiamo, le principali preoccupazioni per le donne che stanno entrando in menopausa o che lo sono, riguardano:

1.  imbarazzo sociale:  “ho bisogno di nascondermi di non farmi vedere accaldata e sudata”,  “Tutti mi guardano” – “Ho un aspetto terribile”. 

2. mancanza di controllo:  “Questo è fuori controllo”, “Non riesco a far fronte a questi sintomi”, “non di nuovo!” 

3. preoccupazioni per il sonno interrotto:  “Non tornerò mai a dormire”, “Mi sentirò malissimo domani”.

 Sudori notturni e problemi di sonno possono essere particolarmente difficili da affrontare dato l’impatto negativo che i sudori notturni possono avere sul sonno. Studi di ricerca condotti su donne che hanno attraversato la menopausa hanno scoperto che preoccuparsi di notte del sonno e dei suoi effetti il ​​giorno seguente (stanchezza, benessere e prestazioni) può portare a un’ansia che rende il sonno meno probabile. Pertanto, la gestione del sudore notturno e notturno richiede un intervento su due fronti: 

1. creare buone abitudini per ottimizzare il comportamento e l’ambiente del sonno 

2. applicare il lavoro cognitivo comportamentale per le vampate di calore per sviluppare un pensiero più calmo e risposte comportamentali quando il sonno è interrotto a causa di sudorazioni notturne. Le seguenti modifiche possono aiutare a migliorare la qualità del sonno se praticate con costanza nel tempo, poiché allenano i ritmi naturali del corpo per facilitare il sonno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *